Taglio cesareo

Il taglio cesareo è un intervento chirurgio che consente l'estrazione del feto e degli annessi fetali (placenta e membrane) per via transaddominale. Si esegue incidendo l'addome all'altezza dei peli pubici (laparotomina), si aprono i vari strati: cute, fascia, muscolo, periotneo, utero; si estrae il feto o i feti egli annessi fetali, quindi viceversa si suturano i vari strati al ritroso.
Nelle prime 24 ore la paziente sarà a letto, a digiuno e con il catetere vescicale, il secondo giorno potrà iniziare ad alsarsi, fare piccoli spostamenti eviene rimosso il catetere, il terzo giorno può iniziare a mangiare normalmente e a camminare, per poi essere dimessa il quarto giorno, seguirà un ulteriore prognosi di 10 giorni a casa a riposo.

Descrizione intervento Taglio Cesareo

L'intervento dura circa un ora, il feto viene estratto dopo 10/15 minuti in condizioni tranquille, anche in meno di 5 minuti in caso di urgenza, la deambulazione e alimentazione sono ristrette per qualche giorno, il dolore post-operatorio presete nei primi 7/10 giorni dopo l'intervento. Alcune donne pensano che il taglio cesareo sia un alternativa indolore al parto ma spesso si ricredono dopo aver vissuto sulla loro pelle tale esperienza.
Il taglio cesareo può essere fatto in elezione (data programmata) oppure in condizione di urgenza. Un cesareo di elezione di effettua nei casi in cui si sa in anticipo che non sarà possibile un parto per via vaginale quindi nei casi di presentazione podalica, gravidanza gemellare, pregresso taglio cesareo, pregresso intervento chirurgico ginecologico (miomectomia); mentre un cesareo d'urgenza si esegue nei casi in cui c'è rischio di danno materno e\o fetale durante o fuori travaglio di parto, le indicazioniverranno illustrate a seguire.

Anestesia per Taglio Cesareo

Attualmente l'anestesia praticata per l'intervento di TC è di tipo loco-regionale, ossia l'anestesia spinale subaracnoidea, la paziente sarà sveglia in modo da vivere l'esperienza della nascita e dei primi versi del bambino; la paziente sentirà toccare, tirare ma non avvertirà dolore. Anestesia totale è altamente sconsigliata, la madre oltre a dormire e non partecipare all'evento deve essere intubata poichè non in grado di respirare autonomamente per mezzo dell'anestetico, che addormenterà anche il feto che quindi necessiterà di rienimazione; l'anestesia totale viene praticata solo nei casi di emergenza estrema, come distacco intempestivo di placenta o arresto cardiaco materno o fetale, in questi casi non si esegue l'anestesia spinale poichè lenta da realizzare e di lento effetto.

Attualmente, nella maggior parte dei casi, una paziente cesarizzata sarà costretta a ripetere il taglio cesareo per le prossime gravidanza, sia che sia stato elettivo o d'urgenza, ma in alcuni casi è possibile provare un VBAC, parto vaginale dopo cesareo, l'incisione sarà sullo stesso livello della precedente, quindi dopo più di un cesareo ci sarà sempre ua sola cicatrice. Per sicurezza sono concessi al massimo quattro o cinque tagli cesarei, dopodichè si esegue la legatura delle tube per evitare gravidanze succesive o un cesareo demolitore (isterectomia), troppi tagli cesarei comportano un trauma per l'utero e aderenze addominali che possono comportare problematiche varie di tipo chirurgico.
Grandi tatuaggi a livello della spina dorsale possono impedire l'esecuzione di anestesia locoregionale.

cicatrice taglio cesareo